AlessandroBastianello-59

Visione d’insieme e rispetto delle regole sono le vie di tutela della nostra professione

Alessandro Bastianello

Per me l’avvocatura è un fatto di famiglia, dopo la laurea ho iniziato il praticantato nello Studio di mia madre, per poi trovare la mia strada divenendo avvocato penalista. Ho avuto spesso occasione di occuparmi di questioni inerenti la responsabilità medico – sanitaria sia dalla parte dell’accusato che della persona offesa: il diritto ad essere difesi accoglie tutti.

Amo la fotografia e l’arte. Considero il mio impegno presso l’Ordine degli avvocati di Milano una responsabilità nei confronti dei colleghi e rispondo al profondo desiderio di tutela della professione, occupandomi in particolare di deontologia dell’avvocato.

Intervista

  • Quali sono le 3 sfide che oggi vedi all’orizzonte per la professione dell’avvocato nella tua area di specializzazione?

    1. Contrastare il populismo giustizialista.
    2. Valorizzare la cultura garantista nell’ambito del processo
    3. Salvaguardare l’impianto accusatorio del processo.
  • La prima proposta concreta che il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Milano dovrà assumere come priorità.

    La modifica della legge professionale in primo luogo per quanto riguarda le modalità di accesso alla professione. Occorre tornare alla necessaria frequentazione dello studio di altro professionista limitando i percorsi alternativi. Ripensare il sistema di esame. Introdurre le specializzazioni. Rivedere il sistema ordinistico ispirandosi al modello anglosassone delle Bar association.

  • Quali sono le 3 qualità che deve avere un Consiglio dell’Ordine degli avvocati per essere realmente vicino e rappresentativo?

    1. Aperto alle istanze degli iscritti
    2. vigile sugli andamenti della politica giudiziaria del paese
    3. creare spazi di dialogo tra cittadini e avvocatura, che non siano gli sportelli.

  • Quali sono le tue fonti d’ispirazione quotidiana?

    Più che ispirazioni, cerco risposte; cerco di comprendere dove e come va il mondo: ogni mattina leggo i quotidiani, cerco di capire l’andamento della politica di chi ci governa, se vi sono segnali di interventi sul processo penale. Leggo cosa si dice e scrive circa i casi di cronaca.

  • Quali sono le 3 qualità che una persona deve necessariamente possedere per essere un buon avvocato?

    1. La prima sicuramente la “generosità” intesa nel senso della capacità di spendersi in favore degli altri
    2. l’intelligenza nel senso della capacità di capire i problemi e trovare la soluzione
    3. l’umiltà nel senso della consapevolezza che per quanto si faccia, non sempre si ottiene il risultato sperato: lites habent sua sidera.